Brixia
Il vero viaggio di scoperta non consiste nello scoprire nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi (Marcel Proust)
Ugolino, il Cavaliere del Broletto
mandato in esilio dai Guelfi. Ma dove si trova questo affresco del 1200? Click sull'immagine per saperne di più
Le cave di Botticino
Estrazione del Marmo di Botticino dalle cave. Se vuoi conoscere di più clicca sull'immagine
Piazza della Loggia
in una stampa del '700
Crystal Palace
Click sulla foto per leggere qualche curiosità...
Il Capitolium Romano
Il tempio con annessa la Piazza del Foro, il Teatro e la Basilica....
Mosaico di una Villa Romana
MilleMiglia
la corsa nata a Brescia ora in versione storica. Tutti gli anni nel mese di Maggio
MILLEMIGLIA
Motori della MilleMIglia
Un pezzo dell'Acquedotto Romano
che per 25 chilometri portava acqua a Brixia. Ancora visibile in alcuni tratti.
Bresciaunderground
La città esterna vista dal cuore di Brescia. Da un'aperura del sottosuolo in Via S.Faustino
Vista, dall'alto del Castello, della città
Il Castello-Fortezza sulla cima del Cidneo
Il Castello, fortezza e macchina da guerra
Vista dal Monte Maddalena
Brescia: città di antichi Monasteri
e dei bellissimi chiostri ancora sconosciuti
Torre del Popolo (Pegol) e Duomo Nuovo
Brescia nei francobolli
Piazza della Loggia
Particolare della Croce di Desiderio
Polittico di Maestro Paroto
Il Maglio tuonante nelle valli...
Palazzo Ferrante - Interno
Orologio di Piazza Loggia
Chiesa di S.Francesco

scacchi

Tabula Lusoria

foto 1

Nella antica Brescia Romana il centro delle attività cittadine era il Foro: in esso, al mattino, il tempo del “negotium” si trattavano affari, si scambiavano merci, si disputava, si trattavano cause, mentre durante il  pomeriggio, il tempo dell’otium”  si chiaccherava e si passava il tempo libero anche soffermandosi, seduti per terra, a giocare.
Immaginiamo ragazzi correre per l’ampia piazza e attraverso i portici ma anche adulti che si sfidavano con il gioco dei
“latrunculi, o dei soldati”, un’antico “war game” simile agli scacchi con un numero di pedine e regole non del tutto sconosciute.
Alcune di queste pedine furono anche ritrovate in una tomba del I secolo scoperta in città.
La tabella o “tabula lusoria” molte volte era incisa sul pavimento. Di queste “tabulae lusoriae” a Brescia se ne conoscono due.
Una la troviamo visibile sul pavimento di quello che resta del foro, lì dove si trova l’unica colonna ancora intatta (Foto 1)
Un’altra (Foto 2) è incastonata all’ingresso della porta Porta Paganora (dalla parte di Via X Giornate).

Un’ampia trattazione del tema delle “tabule” si trova in questo sito spagnolo dove viene citato anche l’articolo di Brescia City clickqui

L’Archeologo spagnolo, tale Josè Manuel Hidalgo, autore del blog, sostiene che è attirato dalla tabula, quella di Porta Paganora, perchè vi sono, su alcune  celle, delle X che indicherebbero un modello di gioco del tutto particolare. La ricerca continua perchè ho trovato un documento che parla delle tabule bresciane ma che devo cercare in qualche archivio… Appena possibile pubblicherò.

Foto 2 – Via Paganora

Translator
Libri su BS
  • santelle

    Santelle di Brescia- Libro

    Autore: Costanzo Gatta Editore: Compagnia della Stampa Pagine: 192 Diventa libro un viaggio di Costanzo Gatta lungo le strade di Brescia. Con spirito da cronista puntiglioso, quale è stato ai tempi del quotidiano milanese “La Notte” di Nino Nutrizio, l’autore si è mosso alla ricerca delle sacre edicole, antiche e recenti. Non è uscito dai […]

Leggi altri articoli di Libri
FOCUS
  • La "nave" volante di F.Lana

    Lana Francesco: Un genio dell’Aerostatica

      Di Francesco LanaTerzi tutti ricorderanno che a Brescia una scuola ha questo nome, ma scommetto, che pochissimi ne conoscono la ragione. Il Lana nacque a Brescia nel 1631 (13 Dicembre) da una nobile famiglia proveniente dalla Franciacorta. Giovanissimo (16 anni) Francesco decide di entrare nella Compagnia di Gesù (Gesuiti), che ancora oggi annoverano tra […]

Leggi altri articoli di Personaggi
Argomenti
Accedi