Ugolino, il Cavaliere del Broletto
mandato in esilio dai Guelfi. Ma dove si trova questo affresco del 1200? Click sull'immagine per saperne di più
Le cave di Botticino
Estrazione del Marmo di Botticino dalle cave. Se vuoi conoscere di più clicca sull'immagine
Piazza della Loggia
in una stampa del '700
Crystal Palace
Click sulla foto per leggere qualche curiosità...
Il Capitolium Romano
Il tempio con annessa la Piazza del Foro, il Teatro e la Basilica....
Mosaico di una Villa Romana
MilleMiglia
la corsa nata a Brescia ora in versione storica. Tutti gli anni nel mese di Maggio
MILLEMIGLIA
Brixia
Il vero viaggio di scoperta non consiste nello scoprire nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi (Marcel Proust)
Motori della MilleMIglia
Un pezzo dell'Acquedotto Romano
che per 25 chilometri portava acqua a Brixia. Ancora visibile in alcuni tratti.
Bresciaunderground
La città esterna vista dal cuore di Brescia. Da un'aperura del sottosuolo in Via S.Faustino
Il Maglio tuonante nelle valli...
Il Castello-Fortezza sulla cima del Cidneo
Il Castello, fortezza e macchina da guerra
Vista dal Monte Maddalena
Brescia: città di antichi Monasteri
e dei bellissimi chiostri ancora sconosciuti
Torre del Popolo (Pegol) e Duomo Nuovo
Brescia nei francobolli
Vista, dall'alto del Castello, della città
Brescia Museo Mille MIglia
Piazza della Loggia
Particolare della Croce di Desiderio
Polittico di Maestro Paroto
Palazzo Ferrante - Interno
Orologio di Piazza Loggia
Chiesa di S.Francesco

domus romana

Domus del Palazzo Martinengo Aquilone

L’area sulla quale sorge il Palazzo Martinengo Aquilone, sede della Unicatt e dell’Istituto Arici, collocata a Sud- Ovest del Foro, presenta strutture abitative d’età romana di notevole interesse. Gli scavi, condotti negli anni Sessanta del secolo scorso da M. Mirabella Roberti, hanno messo in luce strutture murarie romane (sotto la cappella dell’istituto), un ipocausto (sotto la palestra dell’istituto) e una domus (musealizzata) la cui storia è segnata da differenti fasi edilizie succedutesi nell’arco di almeno due secoli.
La domus, costruita nella seconda metà del I secolo a. C., era divisa in ambienti di cui rimangono i  pavimenti in cocciopesto decorati e i  pavimenti in graniglia bianca.

Nella prima metà del I secolo d.C. la disposizione degli ambienti fu modificata e in uno di essi fu realizzato un bel pavimento musivo con fondo bianco e  treccia policroma. Alla fine del I secolo d.C. (età flavia) risalgono gli affreschi dell’ambiente mosaicato e il soffitto, parzialmente ricostruito, con motivi vegetali su fondo chiaro. In una fase di poco successiva  furono realizzati gli altri affreschi  che decoravano le pareti dell’edificio. Gli affreschi della domus (tuttora parzialmente visibili) costituiscono una significativa testimonianza dello sviluppo della decorazione parietale  in una importante città romana quale era Brixia.

In età severiana (fine del II secolo d. C.) la domus venne distrutta per far posto a un vasto edificio termale che ne utilizzò le macerie per innalzare i piani pavimentali di quasi un metro. Di tale edificio rimangono ben visibili non solo i resti di alcuni muri che separavano la grande aula centrale dai due ambienti laterali, ma anche le soglie con basi di pilastro in marmo Botticino. I mosaici dei piani pavimentali sono stati   rimossi dalla loro sede per poter permettere lo scavo e la lettura delle strutture abitative più antiche ed ora  sono appesi alle pareti.

I reperti  protostorici (frammenti di ceramica etrusco-padana e gallica) venuti alla luce nel corso degli scavi attestano che il luogo era abitato anche in una fase precedente a quella in cui si verificò il processo di romanizzazione del quale rimangono, oltre alle strutture abitative descritte, frammenti di ceramica a vernice nera, di ceramica invetriata, di affreschi, di lucerne e di anfore.
Sono stati ritrovati anche  frammenti di ceramiche medioevali e di maioliche rinascimentali che testimoniano una continuità di insediamenti umani nell’area.

Brixia al V. Gambara

Visita della Domus rinvenuta all’interno dell’Istituto “Veronica Gambara” in Brescia.

gambara01Le strutture della domus sono state rivenute casualmente nel 1921 nel corso di lavori edili per  la costruzione e l’ampliamento della scuola (un ex convento) e sono state indagate, sempre parzialmente, in vari sondaggi successivi fino agli anni ’70.

Attualmente sono visibili, quasi interamente, due pavimenti con mosaico geometrico, relativi a un triclinio invernale e a una sala di riposo o studio, vani comunque di rappresentanza dell’antica abitazione romana. I due pavimenti sono separati da uno stretto corridoio, pure decorato a mosaico; anche le soglie presentano vivaci motivi geometrici, a stelle, scacchiere e rettangoli.

gambara02I grandi mosaici sono caratterizzati da un serrato ripetersi di motivi “ a stuoia” in bianco e nero che imitano i più costosi modelli in lastre di marmo, adoperati in genere negli edifici pubblici. Di grande eleganza formale il gioco di contrasti cromatici tra le due diverse soluzioni compositive in cui prevalgono alternativamente il bianco sul nero e viceversa. Le pareti degli ambienti erano decorate da affreschi policromi; l’insieme degli elementi decorativi trova un puntuale confronto nella vicina domus di S.Giulia.

L’edificio di via Gambara, uno dei più significativi esempi di edilizia residenziale a Brescia e nell’Italia Settentrionale, si può datare nell’ultimo venticinquennio del I sec. d.C., un periodo di grande fervore costruttivo, culturale ed economico per l’antica città romana.

Un particolare ringraziamento al Dirigente scolastico Prof. Spinelli e al personale ATA che mi hanno permesso di visitare e fotografare il sito.gambara03

Libri su BS, usati d’occasione!
  • Curiosando Brescia City

    TITOLO : Curiosando Brescia City AUTORE: Anto Brescia PAGINE : 266 ill. ED. : bresciacity ANNO : 2017 PREZZO : 20,00 EURO + SPESE DI SPEDIZIONE (4euro Italia) o ritiro in loco PAGAMENTO : PostaPay – CONTRASSEGNO STATO DEL LIBRO : NUOVO Descrizione: Il Libro racconta ben 467 curiosità nascoste nella città di Brescia. Curiosità […]

Leggi altri articoli di libri in vendita
Libri su BS
  • Munita e Turrita

    Autore: Robecchi Franco Editore: Compagnia della Stampa 2008 120 pagg. Munita e turrita Questioni di mura e di torri nell’antica Brescia Brescia è un’antica città che possiede un immenso patrimonio di manufatti, prodotti nel corso di oltre venti secoli, ancora visibili. Le costruzioni che caratterizzavano le città antiche erano costituite da elementi che dominavano la […]

Leggi altri articoli di Libri
FOCUS
  • Un inventore scienziato dimenticato

    Nato ad Adro il 14 marzo 1748 e morto a Brescia il 13 marzo 1835, l’abate Marzoli Bernardino si occupò di ottica e inventò un metodo per cementare le lenti cromatiche che fu apprezzato anche da scienziati stranieri. Fu anche cartografo e il 4 gennaio 1800 fu incaricato alle Scuole delle Grazie e direttore nel […]

Leggi altri articoli di Personaggi
Argomenti
Accedi