Ugolino, il Cavaliere del Broletto
mandato in esilio dai Guelfi. Ma dove si trova questo affresco del 1200? Click sull'immagine per saperne di più
Le cave di Botticino
Estrazione del Marmo di Botticino dalle cave. Se vuoi conoscere di più clicca sull'immagine
Piazza della Loggia
in una stampa del '700
Crystal Palace
Click sulla foto per leggere qualche curiosità...
Il Capitolium Romano
Il tempio con annessa la Piazza del Foro, il Teatro e la Basilica....
Mosaico di una Villa Romana
MilleMiglia
la corsa nata a Brescia ora in versione storica. Tutti gli anni nel mese di Maggio
MILLEMIGLIA
Brixia
Il vero viaggio di scoperta non consiste nello scoprire nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi (Marcel Proust)
Motori della MilleMIglia
Un pezzo dell'Acquedotto Romano
che per 25 chilometri portava acqua a Brixia. Ancora visibile in alcuni tratti.
Bresciaunderground
La città esterna vista dal cuore di Brescia. Da un'aperura del sottosuolo in Via S.Faustino
Il Maglio tuonante nelle valli...
Il Castello-Fortezza sulla cima del Cidneo
Il Castello, fortezza e macchina da guerra
Vista dal Monte Maddalena
Brescia: città di antichi Monasteri
e dei bellissimi chiostri ancora sconosciuti
Torre del Popolo (Pegol) e Duomo Nuovo
Brescia nei francobolli
Vista, dall'alto del Castello, della città
Brescia Museo Mille MIglia
Piazza della Loggia
Particolare della Croce di Desiderio
Polittico di Maestro Paroto
Palazzo Ferrante - Interno
Orologio di Piazza Loggia
Chiesa di S.Francesco

Segnali di Guerra

Tra il febbraio 1944 e Aprile 1945 anche Brescia, come molte città italiane, fu bersagliata dagli attacchi di aerei alleati che bombardarono a più riprese la città. Ancor oggi esistono segni, che però stanno scomparendo, che ci ricordano questi eventi tragici.

E’ il caso, ad esempio, di quei segnali posti sui muri, che indicavano ai civili la presenza dei rifugi antiaerei che, in qualche modo permettevano loro di trovare scampo. Alcuni rifugi esistono ancora: in Piazzale Tebaldo Brusato, in Via Sostegno, presso l’ex stabilimento Tempini, la Breda, in via Odorici, in Castello Bastione Pusterla… I segnali sui muri sono sempre più difficili da individuare anche perchè, con le tinteggiature, vengono coperti e invece dovrebbero essere preservati come memoria storica.

Nella galleria ne potrete vedere alcuni presenti ancora in città (in Piazza Vittoria, in Piazzale Arnaldo, sui muri della Loggia, in Via Monte Grappa, Via A.Diaz (ora cancellata), Via Mantova, via XX settembre, Camera del Lavoro. C’è anche una foto di un muro  a sud-ovest del Vantiniano dove sono ben visibili i danni provocati dalle mitragliatrici degli aerei incursori (vicino vi era uno stabilimento dove si producevano componenti bellici e la stazione), la stessa cosa vale per la camera del lavoro in P.zza Repubblica. La foto del rifugio in Castello indica sul muro cognomi di chi ha voluto lasciar memoria della propria presenza nel luogo.

I segnali indicano I= presa idrante per i Vigili del Fuoco, US con la freccia=uscita di sicurezza del rifugio, R= Rifugio.

Segnalo il sito ventennioggi ricco di altre info sull’argomento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Libri su BS, usati d’occasione!
  • Curiosando Brescia City

    TITOLO : Curiosando Brescia City AUTORE: Anto Brescia PAGINE : 266 ill. ED. : bresciacity ANNO : 2017 PREZZO : 15,00 EURO + SPESE DI SPEDIZIONE (4euro Italia) o ritiro in loco PAGAMENTO : PostaPay – CONTRASSEGNO STATO DEL LIBRO : NUOVO Descrizione: Il Libro racconta ben 467 curiosità nascoste nella città di Brescia. Curiosità […]

Leggi altri articoli di libri in vendita
Libri su BS
  • Brescia in movimento – Libro

    Autore : Marcello Zane Editore : Grafo BS Pagg.: 128 Il libro, promosso da Brescia Mobilità, racconta l’evoluzione dei mezzi di trasporto a Brescia dalla fine del ’700 a oggi. È scandito per brevi capitoli, ognuno dei quali dedicato a un mezzo specifico: le carrozze di inizio ’800 e il treno; filobus, autobus e corriere […]

Leggi altri articoli di Libri
FOCUS
  • Un inventore scienziato dimenticato

    Nato ad Adro il 14 marzo 1748 e morto a Brescia il 13 marzo 1835, l’abate Marzoli Bernardino si occupò di ottica e inventò un metodo per cementare le lenti cromatiche che fu apprezzato anche da scienziati stranieri. Fu anche cartografo e il 4 gennaio 1800 fu incaricato alle Scuole delle Grazie e direttore nel […]

Leggi altri articoli di Personaggi
Argomenti
Accedi