Ugolino, il Cavaliere del Broletto
mandato in esilio dai Guelfi. Ma dove si trova questo affresco del 1200? Click sull'immagine per saperne di più
Le cave di Botticino
Estrazione del Marmo di Botticino dalle cave. Se vuoi conoscere di più clicca sull'immagine
Piazza della Loggia
in una stampa del '700
Crystal Palace
Click sulla foto per leggere qualche curiosità...
Il Capitolium Romano
Il tempio con annessa la Piazza del Foro, il Teatro e la Basilica....
Mosaico di una Villa Romana
MilleMiglia
la corsa nata a Brescia ora in versione storica. Tutti gli anni nel mese di Maggio
MILLEMIGLIA
Brixia
Il vero viaggio di scoperta non consiste nello scoprire nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi (Marcel Proust)
Motori della MilleMIglia
Un pezzo dell'Acquedotto Romano
che per 25 chilometri portava acqua a Brixia. Ancora visibile in alcuni tratti.
Bresciaunderground
La città esterna vista dal cuore di Brescia. Da un'aperura del sottosuolo in Via S.Faustino
Il Maglio tuonante nelle valli...
Il Castello-Fortezza sulla cima del Cidneo
Il Castello, fortezza e macchina da guerra
Vista dal Monte Maddalena
Brescia: città di antichi Monasteri
e dei bellissimi chiostri ancora sconosciuti
Torre del Popolo (Pegol) e Duomo Nuovo
Brescia nei francobolli
Vista, dall'alto del Castello, della città
Brescia Museo Mille MIglia
Piazza della Loggia
Particolare della Croce di Desiderio
Polittico di Maestro Paroto
Palazzo Ferrante - Interno
Orologio di Piazza Loggia
Chiesa di S.Francesco

Paganino e Alessandro de Paganinis de Cegulis: il primo Corano

Paganino e Alessandro de Paganinis, padre e figlio, originari di Cigole in provincia di Brescia, iniziarono l’attività di tipografi in quel di Toscolano dove ancor oggi esiste ed è viva una tradizione di produzione cartaria tra le più importanti d’Italia. Agli inizi del XVI secolo Brescia sottostava al governo della Serenissima, capitale di attività produttive, di commerci con tutto il mondo di allora e in particolar modo con l’Oriente. I Paganini si trasferiscono a Venezia ed aprono una delle prime botteghe per la stampa e la produzione in serie di libri. Notevoli le loro produzioni e i titoli usciti dai loro torni tipografici.

Paganino fu il primo a proporre ai salotti intellettuali di Venezia dei volumi dal formato tascabile. Ma iCIMG5476l capolavoro, della casa editrice è il “Libro dei Ricami”, un manuale del ricamo, con descrizioni e tavole prospettiche di come ricamare stoffe, camicie e trasferire disegni raffiguranti putti,  animali, figure geometriche, con tanto di gradi di difficoltà del lavoro di ricamo. Fu una novità assoluta per quell’epoca. Un esemplare del raro volume è conservato presso la biblioteca Queriniana di Brescia.

Attorno al 1537 hanno una bella idea “editoriale”. Perchè non dare alle stampe anche il Corano, fino ad allora prodotto solo con scrittura amanuense? Il progetto è importante perchè bisogna costruire tutti i “fonts”, come si direbbe ora, necessari alla lingua araba. E iniziano l’opera che comporta grossi investimenti economici ed anche la presenza di conoscitori della lingua araba che possano consigliare, verificare e correggere. Fiutando un grosso business i due, nell’autunno del 1538, stampano le copie, ne caricano una galea e partono per la Turchia.

Arrivati finalmente al controllo turco, dopo le verifiche doganali, vengono arrestati con un’accusa terribile: hanno osato non solo stampare con delle macchine il Corano ma hanno inserito nel testo originale una serie di errori. Per questi motivi vengono velocemente processati e condannati a morte. Solo l’intervento della diplomazia veneta e di quella genovese permette loro di risparmiare sì la vita, ma di essere condannati all’amputazione della mano destra, l’arto che aveva commesso il sacrilegio.  Nel frattempo tutte le copie sono bruciate perchè non rimanga alcuna traccia dell’opera.

 

STAMPATORI BRESCIANI DEL 1500.
Si contano 500 stampatori bresciani operanti nel 1500 in tutt’Italia, a Verona, Vicenza, Padova, Venezia, Reggio Emilia, Firenze, Roma. Una presenza importante di cui si ricordano i Brittanico, i Paganini, gli Zanetti, i Fracassini, i Gelmini, i Bresciano, i Pezzoni. Un’attività iniziata fin dal 1472 da Tommaso Ferrando e da Pietro Villa, considerando che l’invenzione della stampa è del 1450 (J.Gutemberg)

Libri su BS, usati d’occasione!
  • Curiosando Brescia City

    TITOLO : Curiosando Brescia City AUTORE: Anto Brescia PAGINE : 266 ill. ED. : bresciacity ANNO : 2017 PREZZO : 20,00 EURO + SPESE DI SPEDIZIONE (4euro Italia) o ritiro in loco PAGAMENTO : PostaPay – CONTRASSEGNO STATO DEL LIBRO : NUOVO Descrizione: Il Libro racconta ben 467 curiosità nascoste nella città di Brescia. Curiosità […]

Leggi altri articoli di libri in vendita
Libri su BS
  • Storie Bresciane misteriose e strane – Libro

    Bel libretto, strenna de “La Voce del Popolo” per gli abbonati alla rivista del 1974. Curato da don Fappani, presenta alcune monografie interessanti, tra le quali: – El Mostassu de le Cossere – Angoli di Brescia – Il Foppone – Il lazzaretto – La Curt dei Pulì – Il Porto di Brescia – La Lodoiga […]

Leggi altri articoli di Libri
FOCUS
  • Dante Alighieri, la Divina Commedia e Brescia

    Dante Alighieri, l’autore della Divina Commedia, può in qualche modo essere messo in relazione con la città di Brescia?  C’è qualcosa che li lega? Cerchiamo di rispondere a queste domande. 1. Stampa della “Commedia” del Bonini Bonino Bonini stampatore , seppur non bresciano d’origine, apre a Brescia una tipografia nel 1483 e stampa una quarantina […]

Leggi altri articoli di Personaggi
Argomenti
Accedi