L’ultimo romantico: Borgo Trento

Vicinissimo al centro cittadino ma discretamente discosto e isolato troviamo Borgo Trento, un agglomerato sorto dal XIV secolo esterno a Porta Pile, posto secondo il tracciato della Via che dalla Valtrompia scendeva a Brescia e il fiume Garza, tra le quadre di S.Bartolomeo e Mompiano. L’antico quartiere si chiamava Borgo Pedriolo e nel 1517 la zona meridionale venne abbattuta dai veneziani per far posto alla famosa spianata difensiva. Sotto la Repubblica Veneta, come ancora testimoniato dalla targa della via, la “B” di  “Via Trento” apparteneva alla quadra di S.Bartolomeo e vi erano attività artigiane per via dei Mulini posti sul fiume. Nel 1700 era abitato per 2/3 da giornalieri valtrumplini che lavoravano nelle campagne e 1/3  da commercianti di granaglie e altre merci.  Via via nacquero botteghe del ferro e di incisori d’arma e in seguito prese il nome di  “Borg de le strasse” per via della presenza e del commercio degli straccivendoli. Sorsero poi imprese  industriali quali la Capra Metalli, la Donati di Via Bagni, la conceria Faglia di via F.Filzi e divenne così anche residenza di operai ed impiegati delle vicine fabbriche OM, Franchi e S.Eustacchio

Il borgo era animato dal Circolo Cooperativo dei Lavoratori di ispirazione socialista, al quale partecipavano gli operai e dalla parrocchia frequentata, in particolare, dai contadini. Negli anni ’30 il Borgo conobbe nuova vita con la costruzione di abitazioni e della scuola elementare “C.Battisti” e di una Scuola Materna intitolata alla Principessa di Piemonte. Si sottolinea la presenza di lavatoi pubblici e di un Vespasiano posto tra la scuola Battisti e la Trattoria del Ragno (tutto è scomparso ma è rimasto qualche segno toponomastico). Il campo di calcio “Casalini” in via Cipani anch’esso scomparso. La vita religiosa era incentrata nella Chiesa di S.Giovanni Battista poi soppiantata da quella dedicata a Cristo Re (1884), prima in Italia con questo nome.

Oggi è un quartiere pulito, ordinato, tranquillo con attività commerciali e artigianali aperte sulla via Trento.

All’interno del territorio di San Bartolomeo era presente anche Borgo Trento uno dei quartieri di Brescia che, per la sua morfologia, è riuscito a mantenere l’immagine di piccolo borgo che lo ha sempre reso affascinante. Borgo Trento, da prima parte del Comune di San Bartolomeo, venne annesso alla Parrocchia di Porta Pile nel 1886. Le vicende di B.Trento sono comunque legate anche a quelle di Porta Pile, nome che contraddistinse il Borgo che si formò, al di là della porta eretta dal 1237 al 1239 oltre la chiesa di S.Faustino.

Segnalo anche un libro sul borgo: Lino Monchieri , “Il mio borgo, Borgo Trento a Brescia” Sardini Editrice.

Libri su BS, usati d’occasione!
  • Curiosando Brescia City

    TITOLO : Curiosando Brescia City AUTORE: Anto Brescia PAGINE : 266 ill. ED. : bresciacity ANNO : 2017 PREZZO : 15,00 EURO + SPESE DI SPEDIZIONE (4euro Italia) o ritiro in loco PAGAMENTO : PostaPay – CONTRASSEGNO STATO DEL LIBRO : NUOVO Descrizione: Il Libro racconta ben 467 curiosità nascoste nella città di Brescia. Curiosità […]

Leggi altri articoli di libri in vendita
Libri su BS
  • Storie Bresciane misteriose e strane – Libro

    Bel libretto, strenna de “La Voce del Popolo” per gli abbonati alla rivista del 1974. Curato da don Fappani, presenta alcune monografie interessanti, tra le quali: – El Mostassu de le Cossere – Angoli di Brescia – Il Foppone – Il lazzaretto – La Curt dei Pulì – Il Porto di Brescia – La Lodoiga […]

Leggi altri articoli di Libri
FOCUS
  • Paganino e Alessandro de Paganinis de Cegulis: il primo Corano

    Paganino e Alessandro de Paganinis, padre e figlio, originari di Cigole in provincia di Brescia, iniziarono l’attività di tipografi in quel di Toscolano dove ancor oggi esiste ed è viva una tradizione di produzione cartaria tra le più importanti d’Italia. Agli inzi del XVI secolo Brescia sottostava al governo della Serenissima, capitale di attività produttive, […]

Leggi altri articoli di Personaggi
Argomenti
Accedi