Le colonnine di S.Giulia

Un gruppo di otto colonnine provenienti dalla cripta di San Salvatore, ora conservate nel Museo di S.Giulia, riportano degli interessanti capitelli risalenti al periodo di maggior espansione del monastero benedettino (VIII sec.)  mentre le colonnine, probabilmente, vennero eseguite in fase successiva (XII sec.). Molto importante e discusso  il capitello che narra, in quattro facciate, il martirio di Santa Giulia. Sono queste le uniche sculture conosciute ad alto rilievo di figure umane di epoca Longobarda.

Interpretazione classica (1)

(I) La Santa con aureola, viene straziata in croce dai suoi carnefici mentre la mano di Dio appare da una nuvola ad accogliere l’anima, simboleggiata da una colomba, come si legge nel codice di San Remigio di Reims.

 

(II) Santa Giulia (ma la figura non riporta l’aureola) appoggiata alla Croce, strumento del suo martirio, è supplicata da Ansa e dalle sue figlie. In mano la Palma simbolo del martirio e della resurrezione.

 

(III) San Lorenzo (riconoscibile dalla graticola, segno del suo martirio), consegna a S.Ippolito, con il mantello da soldato, il libro del Vangelo (secondo la leggenda Ippolito, militare custode di San Lorenzo, venne da questo convertito)

 

(IV) S.Ippolito portuense Martire (non è S.Ippolito della facciata III), gettato in un acquedotto, viene rinvigorito dalla mano di Dio.

Altra interpretazione

(I) idem

 

(II) Non è S.Giulia ma la badessa (non ha aureola) del monastero benedettino , che s’appoggia alla Croce e porta in mano la palma simbolo anche di santità e, perciò, del suo potere. Le tre ragazze che l’attorniano sono delle novizie. La prima,  di alto lignaggio (per via della fascia alla testa) è a lei confidenzialmente legata ( mano che tiene il braccio della Badessa).

 

(III) Non è Sant’ Ippolito ma un pellegrino. Ne farebbe fede il bordone, il bastone che si intravede sullo sfondo.

 

(IV) Non è una graticola ma una cattedra, un pulpito dalla quale un Santo (Benedetto) porge ad un altro Santo (ha l’aureola), ma laico (non ha tonsura) il Vangelo o la Regola.

 

 

(per le ricerche bibliografiche ha collaborato G.Sartori)

(1) Ignazio Mozzoni  “Tavole Iconografiche della Storia della Chiesa Universale” Litografia Venezia 1859

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Libri su BS, usati d’occasione!
  • Curiosando Brescia City

    TITOLO : Curiosando Brescia City AUTORE: Anto Brescia PAGINE : 266 ill. ED. : bresciacity ANNO : 2017 PREZZO : 15,00 EURO + SPESE DI SPEDIZIONE (4euro Italia) o ritiro in loco PAGAMENTO : PostaPay – CONTRASSEGNO STATO DEL LIBRO : NUOVO Descrizione: Il Libro racconta ben 467 curiosità nascoste nella città di Brescia. Curiosità […]

Leggi altri articoli di libri in vendita
Libri su BS
  • Munita e Turrita

    Autore: Robecchi Franco Editore: Compagnia della Stampa 2008 120 pagg. Munita e turrita Questioni di mura e di torri nell’antica Brescia Brescia è un’antica città che possiede un immenso patrimonio di manufatti, prodotti nel corso di oltre venti secoli, ancora visibili. Le costruzioni che caratterizzavano le città antiche erano costituite da elementi che dominavano la […]

Leggi altri articoli di Libri
FOCUS
  • Brescia com’era: Via V.Fenarolo – Personaggi bresciani

    A Brescia in centro città esiste una via chiamata Ventura Fenarolo. E’ una via che si trova nell’antico centro ed è prospiciente la Chiesa di S.Maria del Carmine. L’antico nome era “Vicolo del Vituperio”, nome derivante dal fatto che era luogo di esercizio della prostituzione. Ventura Fenaroli o Fenarolo era un condottiero di ventura nato […]

Leggi altri articoli di Personaggi
Argomenti
Accedi