La strana morte di Atlaglich: Pasha di Bosnia

Il 22 ottobre del 1689 fu condotto in Castello, allora sotto la dominazione della Serenissima,  il Pasha di Bosnia  Mehemet Atlaglich
con un seguito di una ventina di persone, come prigioniero della guerra di Dalmazia. Gli fu accordato un vitalizio e l’accompagnamento
delle persone al seguito grazie alla sua resa nella fortezza di Knin avvenuta nel 1688.
Alla sua morte avvenuta il 9 marzo 1697 sempre nel Castello di Brescia, viene inumato in un torrione dello stesso.
La morte del Pasha preoccupò i suoi compagni che in cinque, compreso il figlio, scapparono con la complicità delle
guardie. Furono subito ripresi il giorno dopo in Valsabbia e ricondotti nella fortezza bresciana. Nel 1699, grazie ad un trattato di pace, i prigionieri tornarono
in Bosnia. Questa possibilità deve aver preoccupato l’inquisizione veneziana che, sembra. lo si legge nel  dal testo di una lettere segreta, indirizzata
ai “rettori di Bressa” nordina di avvelenare con della “scamonea” un purgante che in quantità dovuta, diventa un
forte veleno, Alì il Pasha.
Ma Atlaglich si trova ancora sepolto nel Castello di Brescia? E dove si troverebbe? … La ricerca continua…

Castello di BS: Torre dei PrigionieriIl 22 ottobre del 1689 fu condotto in Castello, allora sotto la dominazione della Serenissima, il Pasha di Bosnia Mehemet Atlaglich con un seguito di una ventina di persone, come prigioniero della guerra di Dalmazia. Gli fu accordato un vitalizio e l’accompagnamento delle persone al seguito grazie alla sua resa nella fortezza di Knin avvenuta nel 1688. 

L’inquisizione veneziana , sembra. lo si legge nel  dal testo di una lettere segreta, indirizzata ai “rettori di Bressa”,  ordina di avvelenare con della “scamonea” un purgante che in quantità oltre il limite, diventa un  forte veleno,  Alì il Pasha muore il 9 marzo 1697, sempre nel Castello di Brescia, e viene inumato in un torrione dello stesso.

La morte del Pasha preoccupò i suoi compagni che in cinque, compreso il figlio, scapparono con la complicità delle guardie. Furono subito ripresi il giorno dopo in Valsabbia e ricondotti nella fortezza bresciana.  Nel 1699 però, grazie ad un trattato di pace, i prigionieri tornarono  in Bosnia. 

Ma Atlaglich si trova ancora sepolto nel Castello di Brescia? E dove si troverebbe? … La ricerca continua…
Documentazionedocumentazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Libri su BS, usati d’occasione!
  • Curiosando Brescia City

    TITOLO : Curiosando Brescia City AUTORE: Anto Brescia PAGINE : 266 ill. ED. : bresciacity ANNO : 2017 PREZZO : 15,00 EURO + SPESE DI SPEDIZIONE (4euro Italia) o ritiro in loco PAGAMENTO : PostaPay – CONTRASSEGNO STATO DEL LIBRO : NUOVO Descrizione: Il Libro racconta ben 467 curiosità nascoste nella città di Brescia. Curiosità […]

Leggi altri articoli di libri in vendita
Libri su BS
  • Libro: Brixia, scoperte e riscoperte

    Autore: Morandini Francesca, Stella Clara, De Vecchi Pierluigi Editore:  Skira 2003 Al Museo di Santa Giulia a Brescia, dal primo marzo 2003, si valicerà una porta e si entrerà in due case romane splendidamente affrescate e arricchite da meravigliosi mosaici. Dopo quasi duemila anni, le “Domus dell’Ortaglia” torneranno a vivere ospitando non più i ricchi […]

Leggi altri articoli di Libri
FOCUS
  • Benvegnuda Pincinella, la “strìa de Nàe”

    “Èn piàssa de la Lòza, i Bressà i vardàa ‘l föch cói öcc föra del có, la pèl d’oca e ‘l cör engremìt, e i  stopàa le orèce pèr mia sènter i grì-cc che vegnìa föra da le fiame. Finìa issé la trista storia de Benvegnuda Pincinella, la strìa de Nàe.” da “Benvegnuda Pincinella, la […]

Leggi altri articoli di Personaggi
Argomenti
Accedi