la Funivia del Monte Maddalena (2)

 

 

L’impianto della funivia, che come già detto non esiste più, fu installato e inaugurato il 14 agosto 1955 dalla ditta Ceretti & Tanfani, che esiste ancora, con cabine da 35 posti con dislivello di 650 metri e velocità di 7,5 metri/secondo raggiungendo la cima del Monte, in località le Cavrelle (qui una volta vi era pascolo di caprette), in 10minuti, partendo dalla stazione a valle il località Bornata (oggi proprietà della pizzeria “La Funivia”).

La prima corsa, preceduta, qualche giorno prima, dal viaggio inaugurale delle autorità,  fu effettuata domenica  14 agosto del 1955 e l’ultima corsa  il 10 settembre 1969 e fino al 1973 funzionò come un impianto scuola guida con corsi organizzati dall’Istituto Artigianelli (per tecnici ENEL e conducenti di funivie trentini).

Una curiosità:
il 4 giugno 1975, in occasione del Giro d’Italia (vinto dal bresciano Fausto Bertoglio), fu straordinariamente riaperta per permettere ad alcuni spettatori di ritornare dal Monte Maddalena (luogo d’arrivo della tappa Pontoglio-Brescia – vincitore W.Panizza). Nel 1984 venne deciso lo smantellamento, nel 1986 vennero tolte le funi e nel 1988 abbattuti i due piloni.

Oggi non rimangono che i ruderi della stazione di partenza e di arrivo e i tronchi di due piloni. Si pensa da tempo di ripristinare il tutto…ma…

Qualche dato:
Progettista: Ing. Matteo Maternini
Società proprietaria: Società Funivie Mte Maddalena SpA  fino al 31.12.2050

 

 

Velocità: 7,5mt/sec. (all’epoca primato in Italia)
Corse : ogni mezz’ora
Apertura : dalle 08.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00
Prezzo: 150 lire corsa semplice – 300 corsa doppia
Viaggio di Inaugurazione: Sindaco B.Boni – Prefetto dott. F.Lattari – Comm. Foresti – don Poli

Già nel 1909 esisteva un progetto del cav Edoardo Fornoni per la costruzione di una funicolare denominato “Progetto funicolare Maddalena Kulm” . Vedi articolo della Provincia di Brescia n. 341 del 24 dicembre 1909

Che fine han fatto le cabine? Anche il Giornale di brescia se lo chiedeva in un datato articolo sostenendo la tesi che dopo essere state vendute come rottame, le cabine han preso la via delle Dolomiti per essere riciclate ancora come cabine funiviarie in qualche impianto lassù.

4 risposte a la Funivia del Monte Maddalena (2)

  • vorrei sapere se qualcuno sa che fine hanno fatto le due
    cabne della fnivia..grazie.

  • Credo che giacciano abbandonate in qualche deposito del Comune (tipo quello di via Rose di sotto), dove si trovano anche, ad es., il Bigio (la statua che era in piazza Vittoria ai tempi del ventennio) e la parte che sovrastava la Loggia ed altri reperti.

  • Salve a tutti. Ai tempi dello smantellamento della funivia avevo 16 anni,ho assistito inerme allo scempio,ricordo ancora il rumore della fiamma ossidrica e dell’argano mentre calavan le funi.
    Purtroppo le cabine furono tagliate a pezzi,sono rimaste per alcuni giorni assieme alle ringhiere dietro alla stazione a monte,finchè arrivò il commerciante di materiali ferrosi di via Volturno e portò via tutto.
    L’uniche relique che conservo ancora,sono il cartello col numero 1 posto sul pilone,e una parte dell’indicatore di posizione delle cabine.
    Spero sempre di poter tornare alla “casina che volava”in funivia.

  • COME AL SOLITO…. E’ L’ENNESIMA “PROMESSA DA MARINAIO” DI UNA AMMINISTRAZIONE LOCALE CHE NEMMENO LONTANAMENTE SI INTERESSA DEI PROBLEMI EFFETTIVI DELLA CITTA’ DI BRESCIA!!!!
    La Funivia della Maddalena, ora, “rivive”, grazie all’iniziativa di un’appassionato, il quale, nella sua casa, ha realizzato un modellino in scala della funivia totalmente comandabile dal web, ma di un ripristino “al vero”, ancora non si vede l’ombra!!!
    Spero almeno che il signor Sindaco, il quale si dice: “favorevole” al ripristino della funivia, si adoperi con tutto sè stesso, magari “attingendo” alle casse comunali, ed anche con i fondi regionali e nazionali, per riconsegnare alla città di Brescia, ai bresciani, ed ai tanti turisti, un impianto “storico” che ha trasportato generazioni intere di bresciani “a prendere aria buona” sul Colle della Maddalena.
    CARI BRESCIANI… SVEGLIATEVI!!!! E’ il momento di far sentire la vostra voce, e di riaprire la Funivia della Maddalena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Libri su BS, usati d’occasione!
  • Curiosando Brescia City

    TITOLO : Curiosando Brescia City AUTORE: Anto Brescia PAGINE : 266 ill. ED. : bresciacity ANNO : 2017 PREZZO : 15,00 EURO + SPESE DI SPEDIZIONE (4euro Italia) o ritiro in loco PAGAMENTO : PostaPay – CONTRASSEGNO STATO DEL LIBRO : NUOVO Descrizione: Il Libro racconta ben 467 curiosità nascoste nella città di Brescia. Curiosità […]

Leggi altri articoli di libri in vendita
Libri su BS
  • Colori di legno – Libro

    Autore: Paola Bonfadini Titolo: Colori di legno. Soffitti con tavolette dipinte a Brescia e nel territorio (secoli XV-XVI) Collana: SkyLine Pagg. 160 Magici draghi minacciosi, misteriose ed eleganti dame, audaci guerrieri, austeri filosofi ed imperatori antichi, santi e teologi, fedeli servitori, buffi animali, fiori delicati e fantasiosi: sulle colorate tavolette ornamentali dei soffitti nei palazzi […]

Leggi altri articoli di Libri
FOCUS
  • Ludovico Pavoni e il Risorgimento

    Lodovico Pavoni (Brescia 1784 – Saiano 1849), fu sacerdote, educatore della gioventù e un imprenditore. Riceve l’ordinazione sacerdotale nel 1807 in San Pietro in Oliveto Nel 1821 Pavoni impianta una tipografia o, come lui stesso la chiamerà, una «Scuola tipografica» con annesso laboratorio. È la prima scuola grafica aperta in Italia. Si tratta di un luogo in cui […]

Leggi altri articoli di Personaggi
Argomenti
Accedi