Ciccotti e pancette

1960 - Bambini sul sagrato della Chiesa del carmine giocano a "ciccotti"

1960 – Bambini sul sagrato della Chiesa del carmine giocano a “ciccotti”

Il gioco delle biglie, tramandato  dai giochi delle generazioni precedenti, aveva negli anni ’60 un grandissimo successo ed un’ampia diffusione.

Ovunque c’era uno spiazzo  di terra e di sassi, sui marciapiedi, nei cortili, negli oratori non asfaltati, ovunque, si giocava a “ciccotti” che erano delle sfere di vetro (la maggior parte), di marmo (bellissime!) e a volte anche di ferro.

Giocare a “ciccotti” era bello perché era un gioco basato sull’ abilità tecnica ma con un grande contenuto di relazioni, di interazione, di psicologia che si esprimevano, attraverso l’enunciazione di regole prima e durante il gioco, volte ad aumentare le difficoltà dell’avversario.

Naturalmente l’obiettivo era sconfiggere gli avversari e prendersi le loro biglie. Nella sostanza, si trascorrevano bei pomeriggi vincendo cospicue quantità di palline – in tutte le loro qualità, più o meno pregiate – o brutti momenti di perdita e di depauperazione del proprio patrimonio di biglie. Inoltre, esistevano ancora numerosi spazi urbani non asfaltati che costituivano il luogo adatto per giocare.

Per una approfondimento sul tema dei giochi fatti con i “ciccotti”, specie nella città di Brescia, e per un dizionario delle regole e delle parole di gioco (tutte in dialetto bresciano, come: bù alse; bù spasse; bù de canaleta; e il capolavoro ‘bu tòt per me, bu nient per te’, tutto buono per me e niente per te), è tutto spiegato in un libretto edito da da ABACO (del 1997 non credo che sia ancora in commercio) ma per fortuna l’ho trovato.

Altri giochi : cip (nascondino), campana, il mondo, 4 cantoni, bandiera, palla avvelenata, shangai, biglie, ciancol, trottola, fusi, telefono senza fili, dama, monopoli, carrettino, bottiglia, gioco dell’oca, fooball col supertele, i cerchi, bolle di sapone, guardie e ladri, toco correre, tappi, mosca cieca, uno due tre stella, palla prigioniera, tamburelli


2 risposte a Ciccotti e pancette

  • Ciao,
    mi piacerebbe recuperare il libro delle regole del gioco delle biglie usato a Brescia, qualcuno può darmi i riferimenti dove trovarlo.
    Nell’articolo si fa menzione ad una edizione non più in commercio di Abaco, in qualche biblioteca sara’ possibile visionarlo?
    Grazie
    Alberto

  • Il libretto si può consultare (solo consultazione no prestito) nella Biblioteca Queriniana di Brescia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Libri su BS, usati d’occasione!
  • Curiosando Brescia City

    TITOLO : Curiosando Brescia City AUTORE: Anto Brescia PAGINE : 266 ill. ED. : bresciacity ANNO : 2017 PREZZO : 15,00 EURO + SPESE DI SPEDIZIONE (4euro Italia) o ritiro in loco PAGAMENTO : PostaPay – CONTRASSEGNO STATO DEL LIBRO : NUOVO Descrizione: Il Libro racconta ben 467 curiosità nascoste nella città di Brescia. Curiosità […]

Leggi altri articoli di libri in vendita
Libri su BS
  • Libro: Brixia, scoperte e riscoperte

    Autore: Morandini Francesca, Stella Clara, De Vecchi Pierluigi Editore:  Skira 2003 Al Museo di Santa Giulia a Brescia, dal primo marzo 2003, si valicerà una porta e si entrerà in due case romane splendidamente affrescate e arricchite da meravigliosi mosaici. Dopo quasi duemila anni, le “Domus dell’Ortaglia” torneranno a vivere ospitando non più i ricchi […]

Leggi altri articoli di Libri
FOCUS
  • Ludovico Pavoni e il Risorgimento

    Lodovico Pavoni (Brescia 1784 – Saiano 1849), fu sacerdote, educatore della gioventù e un imprenditore. Riceve l’ordinazione sacerdotale nel 1807 in San Pietro in Oliveto Nel 1821 Pavoni impianta una tipografia o, come lui stesso la chiamerà, una «Scuola tipografica» con annesso laboratorio. È la prima scuola grafica aperta in Italia. Si tratta di un luogo in cui […]

Leggi altri articoli di Personaggi
Argomenti
Accedi