BS Neoclassica

Brescia Neoclassica

Il Vantiniano

Il Vantiniano è il Cimitero Monumentale di Brescia che ha avuto la particolarità di essere stato il primo cimitero monumentale d’Italia e d’Europa. Le leggi napoleoniche infatti vietavano, vedi editto di Saint Cloud del 12 giugno 1804 di seppellire all’interno delle città e a Brescia si decide di portare i defunti in un campo fuori dalle mura di San Giovanni (verso porta Milano). Qui le tombe vengono allestite alla belle e meglio cosicchè si decide di costruire prima una chiesa e poi nel 1815 viene dato incarico all’architetto Vantini Rodolfo di procedere con un progetto.

L’Editto di S.Cloud regolamentava che le lapidi fossero tutte uguali e che riportassero solo il nome e il cognome del defunto. Nasce un movimento culturale di protesta, al quale partecipa il poeta Ugo Foscolo, che si oppone all’idea di soffocare il ricordo e la memoria. Tra la vita e la morte deve porsi la memoria intesa come trasmissione eterna dei valori morali che il defunto ha vissuto in vita. Ugo Foscolo, guarda caso, in quegli anni è a Brescia per dare alle stampe la sua opera “I Sepolcri” ed è coinvolto attivamente alla vita culturale della città.

Il giovane architetto Vantini si appassiona talmente a  quest’opera che il lavoro l’accompagnerà per tutta la vita (+1856). Il Vantiniano verrà terminato dieci anni dopo la sua morte, nel 1866.

La Cappella centrale è dedicata a San Michele e in linea si trova la grande colonna con in cima una lanterna: altezza 60 mt. Una colonna simile (Colonna della Vittoria) è a Berlino sul viale che conduce alla porta di Brandemburgo. Copiata dall’architetto Heinrich Strack che pone in cima una vittoria alata. L’architetto tedesco dirà poi d’aver avuto l’idea visitando il cimitero di Brescia.

ingresso vantiniano stampamini

Ingresso al Vantiniano, da una stampa d’epoca

Il Vantiniano, nel corso dell’ultimo conflitto mondiale, fu anche colpito nelle mura dai bombardamenti e dalle mitragliere aeree. Leggi l’articolo

Nel 1923 viene aggiunta, davanti alla Cappella di San Michele, la bronzea Pietà di Ermenegildo Luppi. L’opera prese forma grazie ad una donazione di Luigi Premoli il quale, nel suo testamento del 1920, indicò la somma necessaria per la costruzione di una scultura che avesse come soggetto la deposizione di Gesù. Il Premoli aveva le idee chiare, in quanto voleva una scultura che rappresentasse il momento in cui Gesù veniva deposto dalla croce, prima di essere portato al sepolcro. Il tutto aveva l’intento di emozionare l’osservatore. Le volontà del defunto vennero rispettate così venne scelto il bozzetto di Luppi. L’artista viveva e lavorava a Roma, ma la distanza non gli impedì di realizzare la scultura che, come aveva richiesto la Commissione che vigilava sui lavori del cimitero avrebbe dovuto essere pronta per il 2 novembre del 1923.

Libri su BS, usati d’occasione!
  • Curiosando Brescia City

    TITOLO : Curiosando Brescia City AUTORE: Anto Brescia PAGINE : 266 ill. ED. : bresciacity ANNO : 2017 PREZZO : 15,00 EURO + SPESE DI SPEDIZIONE (4euro Italia) o ritiro in loco PAGAMENTO : PostaPay – CONTRASSEGNO STATO DEL LIBRO : NUOVO Descrizione: Il Libro racconta ben 467 curiosità nascoste nella città di Brescia. Curiosità […]

Leggi altri articoli di libri in vendita
Libri su BS
  • Brescia per gioco – Libro

    Autore : Franco Robecchi Editore: La Compagnia della stampa pagg.: 160 prefazione di Alessandro Sala Non è possibile trovare una netta linea di demarcazione che distingua il gioco dallo sport e dallo spettacolo; il gioci del calcio e il gioco del tennis sono, appunto giochi, ma sono anche sport e sono spettacolo. Esistono, tuttavia, attività […]

Leggi altri articoli di Libri
FOCUS
  • Paganino e Alessandro de Paganinis de Cegulis: il primo Corano

    Paganino e Alessandro de Paganinis, padre e figlio, originari di Cigole in provincia di Brescia, iniziarono l’attività di tipografi in quel di Toscolano dove ancor oggi esiste ed è viva una tradizione di produzione cartaria tra le più importanti d’Italia. Agli inzi del XVI secolo Brescia sottostava al governo della Serenissima, capitale di attività produttive, […]

Leggi altri articoli di Personaggi
Argomenti
Accedi